sabato 14 luglio 2012

Una gustosa "perla" per il decalogo del blog: Adista si lamenta per i costi della visita a Frascati avvenuta il 15 luglio scorso (oggi è il 14!)

Clicca per ingrandire (da LINKIESTA)
Cari amici, devo assolutamente inserire una nuova voce al decalogo del blog perche' questa e' proprio grossa :-))
Clicca qui per leggere il commento segnalatoci da Alessia e Gemma.
Leggiamo sghignazzanti:


"L’ultimo esempio è rappresentato dalla visita pastorale di Benedetto XVI nella diocesi di Frascati, il 15 luglio scorso. Visita lampo, per la verità, poiché il Papa, dopo aver celebrato messa nella locale piazza S. Pietro, ha fatto ritorno nella residenza estiva di Castel Gandolfo per la recita dell’Angelus di mezzogiorno..."


Che cosa c'e' di strano? Si tratta pur sempre della solita, trita, ritrita ed ammuffita, critica per le spese delle visite del Papa in Italia. 
Peccato che l'articolo segnalato, datato 13 luglio, parli della visita del Papa a Frascati come se essa fosse gia' avvenuta. La frase e' piu' che chiara: "15 luglio scorso"..."ha fatto ritorno nella residenza estiva di Castel Gandolfo".
Peccato che oggi sia il 14 luglio e che la visita a Frascati avra' luogo domani, domenica 15 luglio.
Ma che bella figura! Siamo di fronte ad un vero e proprio scivolone che conferma quanto sappiamo da anni: le critiche al Papa sono preconfezionate. Non importa cio' che dice o fa. Ci sono articoli e commenti preparati giorni prima delle visite (in Italia ed all'estero) e pronti da mandare alle stampe non appena il Papa e' tornato "a casa". Questa volta pero' siamo di fronte alla gaffe del secolo che merita la menzione nel decalogo :-))
R.


p.s. metto anche uno scatto dell'articolo (con data) come prova delle mie affermazioni. O il decalogo si fa bene o si lascia stare :-)


Aggiornamento: inserita la lettera n al punto 1 del decalogo.

14 commenti:

Andrea ha detto...

Da Wikipedia: "Nata nell'oyyobre del 1967... oggi Adista si occupa principalmente di fare controinformazione sulla Chiesa istituzionale, di dare voce a tutte le realtà ecclesiali di base, del rapporto tra Chiesa e politica e tra fede e politica, di pace, disarmo, ecumenismo, dialogo interreligioso, America Latina, Teologia della Liberazione, Teologie indigene, femministe, ecologiste, del pluralismo religioso e in generale di tutte le nuove teologie"

mariateresa ha detto...

congratulazioni cara che te ne sei accorta.
C'è da vergognarsi ma ormai non tengono vergogna.
Preparano i compiti prima per rimasticare la stessa filastrocca.
E' una cosa ridicola ma non riesco a ridere.
Se questa è la sinistra ecclesiale, siamo a posto.

raffaella blog ha detto...

Ciao carissima,
il merito e' di Alessia e Gemma :-)
Certo che siamo proprio a cavallo...chissa' di quale animale!
R.

Anonimo ha detto...

Articolo stilato in data 13 relativo alla visita del Papa del prossimo 15 luglio, gajardo!

mariateresa ha detto...

se queste sono le nuove teologie c'è, in coscienza, da preferire le vecchie.anzi,le vecchissime.

Anonimo ha detto...

http://www.radiovaticana.cz/clanek.php4?id=16716

Per favore, qualcuno potrebbe scrivere alemno un piccolo commento su questo testo cosi importante? "Con il Papa contro l'omoeresia" - La Radio Vaticana nella lingua ceca lo trasmette a luglio ogni mercoledi al posto delle catechesi del Santo Padre...

laura ha detto...

Che pena questa informazione giornalistica!

Anonimo ha detto...

Dal sito di Adista, il "progetto editoriale" (link: http://www.adistaonline.it/index.php?op=progettoeditoriale )

"Quattro caravelle per un solo approdo: è la flotta di ADISTA, con rotta sullo scoglio della laicità. Una testata, quattro teste di ponte oltre le acque chete del conformismo di chiese, poteri e qualunquismi."

Conformismo di chiese, poteri e qualunquismi?
E questa gaffe non e' proprio il conformismo del laicismo piu' bieco che abbiamo visto spiattellato per anni e anni?
Autogol.

Anonimo ha detto...

Ottimo post. Invito a leggere l'eco che ne abbiamo fatto qui http://www.cristianocattolico.it/rassegna-stampa-cattolica/speciali/critiche-al-papa-pre-confezionate.html - Buona domenica.

Paul

Anonimo ha detto...

Vediamo quanto ci mettono i vari "vaticanisti" (Tornielli, Rodari, Galeazzi ecc...) a segnalare questo "increscioso incidente" (oh poverini!) sulle loro testate.
O sono tutti al mare a trovar refrigerio e non possono scrivere nulla fino a lunedi?

Anonimo ha detto...

Buongiorno Raffaella,
che ne diresti di fare una visita a Adista? Viste le sue capacita' di prevedere il futuro con un paio di giorni di anticipo, potremmo farci dare qualche bel numero per sbancare il lotto. :)
Vabbe' le critiche precotte, ma qui hanno proprio passato il segno e sono scivolati nel ridicolo totale e si sono letteralmente suicidati come "agenzia di informazione" passando a miglior (?) vita editoriale come "agenzia ideologica".
Bella inzozzata per tutto quanto il loro sito. Un suicidio metiatico senza precedenti.

A ha detto...

La parola "Papa", sia nell'articolo di Adista sia nel suo titolo, rigorosamente in minuscolo !

Anonimo ha detto...

E' già qualcosa chiamarlo papa con la minuscola,di solito lo chiamano per cognome,raramente preceduto dal 'signor 'Ratzinger...

Andrea ha detto...

No, è peggio, caro Anonimo: ogni volta che si scrive papa con la minuscola si afferma "Noi non siamo come quei pecoroni che seguono il Capo - noi lo consideriamo né più né meno che uno di noi".

Cioè, ogni volta si esprime:
1- schifo per i "pecoroni"
2- disprezzo per Cristo (che sarebbe a sua volta "uno di noi")